Emozioni e apprendimento

Emozioni e apprendimento

Monica Becco
onde-cerebrali-apprendimento-adulti

“Formare”, letteralmente, significa “far acquisire una forma”. È chiaro che, quando si parla di formazione rivolta agli adulti, i quali ovviamente una forma già la posseggono, implicitamente il significato di questa parola potrebbe diventare “far acquisire una forma nuova”.

Espressa in questo modo, la formazione potrebbe sembrare una forma di manipolazione tanto pericolosa, quanto scorretta.

Nella realtà, la formazione ha come obiettivo guidare le persone nell’apprendimento e nella successiva applicazione di determinati comportamenti.

E proprio il termine apprendimento è quello che, per quanto riguarda gli adulti, tutela dalla possibilità di manipolazione, in quanto l’atto dell’apprendere è un’azione che necessita di una specifica volontà, oltre che una capacità intellettuale e cognitiva, da parte dell’individuo.

Tuttavia, volontà e predisposizioni mentali di una persona non sempre sono sufficienti per apprendere. Lo stress, la stanchezza e le preoccupazioni spesso non sono d’aiuto alla fase di apprendimento.

Perché i bambini apprendono più velocemente?

Sfatando le credenze secondo le quali, passando il tempo, si ha una graduale e inesorabile diminuzione della quantità e della qualità dei neuroni (cioè le cellule del cervello umano), per rispondere a questa domanda è necessario invece fare un passo indietro e soffermarci sul tema delle onde cerebrali.

Il nostro cervello è dotato della capacità di scaricare nella memoria un numero altissimo di nozioni, di convinzioni e comportamenti; questa facoltà dipende dall’oscillare dell’attività elettrica del cervello stesso.

Questo funziona grazie ad impulsi neuro-elettrici; l’attività cerebrale appare come una serie di micro-scariche elettriche (impulsi) a bassissimo voltaggio tra le reti di neuroni. Questi impulsi possono essere misurati e sono stati ordinati in 5 principali categorie, a seconda della loro frequenza. Queste 5 categorie sono le 5 conformazioni di onde cerebrali.

Onde Beta. L’attività delle onde Beta corrisponde a una coscienza “attiva o concentrata”, cioè la condizione necessaria per leggere questo articolo. Beta è lo stato in cui ci troviamo normalmente quando siamo svegli; mentre stiamo lavorando, guidando o parlando, ci troviamo, molto probabilmente, nello stato Beta. Sono riconducibili a questo stato, problemi specifici legati al vivere quotidiano, come, ad esempio, l’ansia, il panico e lo stress.

Onde Alpha. L’attività nelle onde Alpha è riconducibile a stati di coscienza tranquilla e corrisponde a uno stato di leggero rilassamento; normalmente è lo stato in cui si trova una mente calma e concentrata. Viene anche chiamato lo stato del “super-apprendimento”, poiché la mente sembra essere più ricettiva e più aperta ad assimilare nuove informazioni. Lo stato Alpha è anche considerato lo stato ideale per il brainstorming creativo ed innovativo. È una condizione caratterizzata, quindi, dalla capacità di immagazzinare e richiamare una grande quantità di informazioni, velocemente e in modo efficace. Durante questa fase aumenta la produzione di serotonina.

Onde Theta. Queste onde sono comunemente rilevabili nella regione delle tempie, corrispondono allo stato di profondo rilassamento; mentre dormiamo e sogniamo, siamo solitamente nella conformazione Theta. Durante questa fase, analizzando i neuroni della corteccia prefrontale, (deputati all’apprendimento e alla memoria), si è riscontrato un miglioramento nella capacità di apprendimento, in quanto vengono attivati i recettori per l’acetilcolina, un neurotrasmettitore preposto a trasmettere impulsi a livello di Sistema Nervoso Centrale e di Sistema Nervoso Periferico. Queste onde aumentano le funzioni cerebrali, migliorano la memoria e rendono più facile e duraturo l’apprendimento.

Poiché la regione delle tempie fa parte del Centro del potere psichico, le onde Delta e Theta sono onde legate alle esperienze psichiche.

Onde Delta. Delta è la più profonda tra le onde cerebrali; è lo stato in cui ci troviamo quando dormiamo profondamente. Riuscire ad entrare nello stato Delta da svegli, vuol dire aprire un accesso alla parte inconscia della nostra conoscenza. Queste onde aumentano incredibilmente le capacità mentali e l’intelligenza, permettendoci di risolvere più velocemente e più facilmente qualunque problema ci venga sottoposto. Forse anche per questo la saggezza popolare sostiene che “la notte porta consiglio”.

Onde Gamma. Durante la fase in cui si rilevano le onde Gamma, è possibile sperimentare profondi poteri psichici, come, ad esempio, i poteri del medium in “trance”. Queste si rilevano raramente, e sono l’elettricità nervosa della personalità totalmente inconscia.

I bambini, nella loro giornata, sono naturalmente e prevalentemente in uno stato cerebrale che oscilla tra le onde Delta e Theta; ecco perché sono così pronti a immagazzinare gli stimoli esterni, a ricordarli e ad apprendere nozioni e comportamenti.

La soluzione al quesito appare perciò abbastanza semplice: quando si vuole creare una situazione favorevole all’apprendimento è necessario agevolare nelle persone la creazione di emozioni positive attraverso il gioco, il divertimento, il relax. In questo modo la frequenza delle onde cerebrali si abbassa e la capacità di apprendimento aumenta.

Al contrario, gli outdoor training estremi, quelli che generano ansie, paure, stress, senso di inadeguatezza, preoccupazione e disorientamento, causano un innalzamento della frequenza delle onde cerebrali e la produzione di ormoni tossici (detti proprio ormoni dello stress, come l’adrenalina e il cortisolo) che inducono il nostro corpo, cervello compreso, a predisporsi in assetto di difesa, quindi a chiudersi ad ogni stimolo esterno.

Chi ha dovuto attraversare ponti tibetani, camminare su carboni incandescenti o ritrovare la strada verso casa dopo essere stato abbandonato in un bosco di sera, certamente ricorda l’esperienza, ma con altrettanta certezza non ha appreso il vero messaggio formativo che si voleva trasmettere.

La formazione efficace può passare soltanto attraverso emozioni positive, quelle in grado di rasserenarci, di farci aprire verso l’esterno con fiducia, di abbassare la frequenza delle nostre onde cerebrali, di farci fare un sorriso.

Siamo fatti così, siamo stati progettati per essere felici.